nordafrica

Le tre sorelle (fiaba marocchina)

C’era una volta un uomo che aveva tre figlie. Quando la moglie morì, avendo bisogno di qualcuno che lo aiutasse ad accudirle, si risposò. La nuova moglie però iniziò subito a odiare le tre ragazze e cercare di escogitare un modo per liberarsi di loro.

Ogni sera, quando erano tutti riuniti a cena, serviva al marito solo sugo, senza carne. Quando lui si lamentava, diceva che le era impossibile preparargli pasti più sostanziosi, fintanto che doveva sfamare anche le tre ragazze.

Alla lunga, l’uomo si convinse a disfarsi delle figlie. Le abbandonò in mezzo alla foresta, in un luogo lontano da casa.

Le tre ragazze vagarono a lungo, cercando di ritrovare la strada di casa. Era ormai sera quando videro finalmente le luci di un’abitazione. Infreddolite e affamate, bussarono per chiedere ospitalità per la notte.

Grande fu il loro spavento quando ad aprire la porta fu una donna-ghoul.

Le prime due stavano già per fuggire, ma la più piccola si rivolse invece alla padrona di casa come se si trattasse di un essere umano. Raccontò la loro storia e chiese ospitalità.

La donna-ghoul fu mossa da compassione al racconto delle tre sorelle. Le accolse in casa, ma disse loro di nascondersi quando tornarono i tre figli, temendo che potessero mangiarle.

Per alcuni giorni, le cose andarono avanti così: durante il giorno, quando i ragazzi ghoul erano fuori casa, le tre sorelle uscivano dal loro nascondiglio, mangiavano, aiutavano la madre ghoul nelle faccende domestiche. La sera, quando i figli rientravano, tornavano a nascondersi.

I figli però cominciarono presto a sospettare qualcosa. Un giorno, uno di loro disse di sentirsi poco bene e rimase in casa. La madre, allora, gli fece bere a tradimento del sonnifero, e mentre lui dormiva le tre sorelle poterono uscire dal loro nascondiglio come al solito.

Anche il giorno dopo il figlio rimase a casa. Questa volta, però, finse solo di bere ciò che la madre gli offriva e addormentarsi.

Presto sentì le voci delle ragazze. Si affacciò allora sulla porta della cucina e le vide intente ad aiutare la madre nel preparare il cibo. Subito, rimase affascinato dalla loro bellezza. Così le raggiunse e, con grande sorpresa sia della madre che delle ragazze, cominciò a chiacchierare amabilmente con loro.

Quella sera, le sorelle furono presentate anche agli altri due figli. Anche loro le trovarono adorabili e accettarono di accoglierle a vivere con loro.

Passarono i mesi, e il legame tra le tre sorelle e i tre ragazzi-ghoul si fece sempre più stretto. Presto, si celebrarono tre matrimoni, e le ragazze entrarono a far parte della famiglia a tutti gli effetti.

Alcuni anni dopo, il padre delle ragazze, essendosi perso in mezzo al bosco, si trovò a passare di lì. Bussò alla porta, e grande fu la sua sorpresa nel rivedere le figlie che credeva perdute. Scoppiò a piangere, raccontando loro quanto si fosse pentito di averle abbandonate e di come avesse ripudiato la moglie che l’aveva spinto a un gesto tanto orribile. Si indignò molto quando scoprì che si erano sposate con dei ghoul e provò a convincerle a tornare a casa con lui.

Loro però si rifiutarono e anzi, chiesero ai mariti di mandare via quell’uomo che non riconoscevano più come loro padre.

Articolo creato 91

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto