inghilterra

La strega di Berkeley

Viveva un tempo nella città di Berkeley, nella parte ovest dell’Inghilterra, una donna che da sempre si era dedicata a ogni tipo di arte demoniaca.

Quando, una volta vecchia, si ritrovò a letto malata e prossima alla morte, la strega di Berkeley chiamò a sé i suoi figli, un monaco e una suora, e li implorò di aiutarla a tentare di salvare la sua anima.

Chiese loro che, una volta che fosse morta, cucissero il suo cadavere dentro una pelle di cervo, lo mettessero in un sarcofago di pietra, sigillato con piombo e catene di ferro, e che per tre giorni venissero ogni notte recitati cinquanta salmi e ogni giorno una messa solenne.

I figli fecero come era stato loro detto, sperando di salvare l’anima della donna.

Durante le prime due notti, però, il Diavolo venne a cercare la strega e creò delle brecce sul lato della porta della chiesa.

La terza notte, poi, mentre si recitavano i salmi, fece irruzione nella chiesa, con l’aspetto di una bestia nera enorme e terribile. I suoi passi facevano tremare la terra.

Con voce animalesca, comandò alla donna di venire con lui.

“Non posso” rispose lei, da dentro il sarcofago. “Sono imprigionata qui da catene di ferro.”

“Per il potere dei tuoi peccati, io ti libero dalle catene e ti ordino di venire con me” disse il Diavolo.

Subito, le catene si spezzarono, il sarcofago si aprì e la strega di Berkeley fu portata via dal Diavolo in sella a un enorme cavallo nero.

Articolo creato 68

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto