cina

Storie di arti marziali: Yang Lu Chan, il maestro invulnerabile

Si narra che una sera Yang Lu Chan, uno dei più grandi maestri dell’arte marziale Taijiquan, si aggirasse per uno dei quartieri più malfamati di Pechino.

A un certo punto, mentre attraversava una stradina poco frequentata, si trovò la strada sbarrata da ambo i lati da una banda di malviventi.

Il maestro si rannicchiò a terra e lasciò che questi lo derubassero e picchiassero.

Il giorno dopo, Yang Lu Chan fu visto in giro per Pechino, intento nelle più svariate faccende, senza nessun segno apparente della disavventura passata.

Alcuni dei ladri invece, in particolare quelli che avevano colpito il maestro con calci, rimasero per alcuni giorni a letto, con gli arti paralizzati.

Il maestro non aveva reagito per paura di poter uccidere i ladri. Ciò nonostante, il suo chi (energia interiore) era talmente potente da creare intorno a lui una sorta di mantello, capace non solo di assorbire i colpi di combattenti inesperti, ma anche di provocare danni al corpo dell’assalitore.

Articolo creato 91

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto